UNDER 18 ECCELLENZA – NEXT GEN CUP – BELLISSIMA VITTORIA DEI CANTURINI NEL DERBY CON VARESE

 

ACQUA SAN BERNARDO CINELANDIA CANTU’ 89

OBJECT PARTICOLARE VARESE 70

(25-12, 46-30, 75-48)

 

Acqua San Bernardo Cinelandia Cantù: Caglio 10, Lanzi, Arienti 5, Ziviani 3, Abega Ongolo 22, Quarta 10, Gatti 6, Bresolin 4, Procida 9, Di Giuliomaria 18, Mirkovski ne, Pozzi 2. All. Costacurta, Vice All. Di Giuliomaria.

Object Particolare Varese: Seck 6, Montano 10, Marotta 2, Librizzi 14, Sorrentino, Nagero ne, Mazzocchia, Jokic, Van Velsen 11, Virginio 11, Maruca 13, Vincini 3. All. Bizzozi, Vice All. Gergati, Grati.

 

 

Altro giro, altra corsa, altra squadra: nel secondo impegno di giornata, i ragazzi di Pallacanestro Cantù si fanno trovare più che pronti, riscattando completamente la prestazione della mattina contro Trieste. Il derby contro Varese è una sinfonia suonata in crescendo, con tutti gli orchestranti al posto giusto nel momento giusto: e il risultato è un concerto da sballo, con i primi due punti della competizione per i biancoblù.

Super partenza dei canturini, che volano sulle ali di Di Giuliomaria e Procida; Varese prova a rimanere attaccata con Virginio, Seck e Montano, ma la difesa impenetrabile e l’attacco chirurgico firmato Gatti e Arienti consentono all’Acqua S. Bernardo di andare sul +11 già al 6’ (19-8). Librizzi realizza da sotto, Maruca replica dall’altra parte del campo, Abega appoggia al ferro e poi insacca anche i 3 liberi che chiudono il primo periodo sul 25-12 in favore dei biancoblù.

La seconda frazione si apre con Bresolin che porta al ferro l’assist di Caglio, e lo stesso Caglio che replica a Maruca con un 2+1 da manuale. Vincini fa 1/2 dalla lunetta, Quarta è preciso ai liberi, Pozzi si butta in area e Abega insacca i due punti del +21 per Cantù al 15’ (36-15). Maruca e Virginio provano a spingere per la Object Particolare, Gatti appoggia al ferro, poi ancora Librizzi e Virginio consentono ai varesini di tornare a -11. Ma Procida è subito pronto a mettere i puntini sulle i dalla distanza, tenendo i suoi 43-27, e la bomba di Di Giuliomaria negli ultimi secondi manda tutti negli spogliatoi sul 46-30.

La combo Arienti – Di Giuliomaria inaugura il terzo periodo, poi Quarta aggiunge due punti in schiacchiata; Vincini e Seck segnano per Varese, ma è ancora Quarta a tenere Cantù saldamente al comando. Montano realizza in arresto e tiro, Gatti appoggia al ferro, Ziviani aggiunge una bomba pesantissima al carnet della Pallacanestro Cantù (64-41 al 27’). I ragazzi di Coach Costacurta sono in un momento di grazia, e stringono le maglie difensive costringendo Varese a cercare dei tiri forzati; dall’altra parte del campo, intanto, Abega fa razzie, e al termine del terzo periodo il punteggio dice 75-48 in favore della S. Bernardo.

Caglio in penetrazione e Librizzi da sotto aprono gli ultimi 10’ di gioco; Abega appoggia al ferro, Librizzi replica dal pitturato, ancora Abega sfrutta il giro in lunetta, consentendo a Cantù di volare 81-57 al 34’. Van Velsen consegna al ferro l’assist di Maruca, Abega è un cecchino, Montano vince il duello a canestro con Arienti; Di Giuliomaria in contropiede replica quindi a Seck per il +22 al 37’. Gli ultimi minuti servono ai ragazzi di Coach Costacurta per rifinire il vantaggio: il derby Cantù – Varese di questa Next Gen Cup termina quindi con il punteggio di 89-70.

Domani alle ore 13:30 i canturini sono attesi all’ultimo impegno di questo girone di qualificazione contro Virtus Roma.