SERIE C GOLD – GITA A MILANO DA DIENTICARE PER I CANTURINI

 

PALLACANESTRO MILANO 1958 84

TEAM ABC GORLA CANTU’ 70

 

(21-11, 42-39, 57-50)

 

 

Pallacanestro Milano 1958: Ramenghi 4, Perego 20, Furlanetto 9, Cattaneo T. 4, Pizzul 5, Bazzoli ne, Reali 24, Todorovic, Saini 7, Arioli 5, Visnjic ne, Cattaneo M. 6. All. Muzzolon, Vice All. Petitti.

 

Team ABC Gorla Cantù: Procida 1, Lanzi ne, Ronchetti 4, Carpani 8, Molteni 9, Cucchiaro 5, Novati 4, Di Giuliomaria C. 30, Pifferi 4, Pedalà 5, Marazzi ne, Di Giuliomaria J. All. Visciglia, Vice All. Deandrea, Pozzoli.

 

 

Trasferta indigesta per il Team ABC in quel di Brugherio per la sfida contro Pallacanestro Milano. Dopo un inizio incerto, i ragazzi di Coach Visciglia riagganciano e addirittura superano; ma il miraggio rimane tale, per lasciare spazio a un finale che parla solo meneghino, con i padroni di casa a fare la voce grossa grazie a una netta superiorità al tiro, soprattutto dalla distanza.

 

Comincia con il freno a mano tirato il Gorla che, dopo l’appoggio di Di Giuliomaria, subisce subito un parziale di 8-0 propiziato da due triple e dalla schiacciata in contropiede di Saini, costringendo Coach Visciglia al minuto. Carpani sblocca i biancorossi, ma Perego e Reali dalla distanza fanno salire a 11 le lunghezze di distanza in favore dei milanesi (15-4 al 5’). Di Giuliomaria capitalizza l’occasione da 2+1, Pedalà non sbaglia in appoggio, Reali sfrutta il giro in lunetta; i quattro punti consecutivi di Furlanetto, però, pesano nei secondi finali, e i due liberi di Ronchetti sulla sirena riavvicinano di poco il Team ABC al termine del primo periodo (21-11).

 

Il 2/2 di Di Giuliomaria e le bombe di Arioli e Reali riaprono i giochi; Di Giuliomaria segna da sotto, Reali si alza ancora dall’arco, poi Molteni e Carpani riportano Cantù sul -8 al 14’. Arioli e Di Giuliomaria si rispondono a tono, Cattaneo è un cecchino da lontano, Ronchetti consegna al ferro l’assist di Carpani; Pizzul in tap-in tiene davanti i suoi, ma la bomba di Molteni vale il -6 per i biancorossi (37-31 al 18’). Di Giuliomaria è glaciale ai liberi, Cucchiaro fa 2+1, poi Reali non sbaglia da sotto; il tiro dalla distanza di Carpani porta i canturini a una sola lunghezza di stacco, ma il canestro di Perego sul finale manda tutti negli spogliatoi con Milano avanti 42-39.

 

Il 2+1 di Di Giuliomaria di inizio terza frazione vale l’aggancio per i biancorossi, che sorpassano per la prima volta grazie alla tripla di Pedalà e all’arresto e tiro di Novati. Ramenghi e Perego riportano subito Milano in vantaggio, Di Giuliomaria mette solo uno dei due liberi a disposizione, invece Reali è preciso dalla lunetta, e insieme a Perego tiene i suoi sul +4 al 27’ (52-48). Di Giuliomaria realizza da sotto, Ramenghi replica dalla parte opposta del campo e segna i liberi del +6 interno; il tiro dalla lunetta di Reali chiude quindi al 30’ 57-50.

 

Furlanetto risponde a Di Giuliomaria nell’avvio dell’ultima frazione, poi i padroni di casa mettono la freccia sospinti da Cattaneo e sgasano subito per il +10 con 7 minuti rimanenti. Il libero di Procida e il canestro di Di Giuliomaria rinfrancano i ragazzi di Coach Visciglia, che con il giro in lunetta di Molteni si riportano a -5 al 35’; ma dall’altra parte c’è sempre Reali in agguato, che dall’arco sigla una bomba pesantissima. I biancorossi tornano all’attacco con Molteni e Cucchiaro, e grazie al libero di Di Giuliomaria rientrano a -3; rimonta resa vana dal 2+1 di Perego, per il punteggio di 70-64 al 37’. Di Giuliomaria fa 2/2 dalla linea della carità, Perego trova un’autostrada fino al canestro, quindi la tripla di Furlanetto e il contropiede di Cattaneo negli ultimi giri di lancetta scavano definitivamente la fossa per i canturini, che non riescono a portare a casa la vittoria e cedono a Milano col risultato finale di 84-70.