NULLA DA FARE PER ROVELLO CONTRO LA CORAZZATA GORLA CANTÙ

 

ALIANZ BANK ROVELLO PORRO 57
TEAM ABC GORLA CANTÙ 75

(18-32, 34-48, 44-60)

 

Allianz Bank Rovello Porro: Tomaselli 2, Mascheroni 2, Lanzi 13, Castelli, Domei 4, Donegà 8, Barbisan 12, Bosa 10, Martinoni ne, Terraneo, Villa 6, Galbusera ne. All. Cilio.

Team ABC Gorla Cantù: Tremolada 4, Carpani 11, Ronchetti 10, Molteni M. 3, Molteni T., Ruzzon, Di Giuliomaria 20, Pifferi 6, Castelli ne, Pedalà 17, Borsani ne, Olgiati 4. All. Borghi, Vice All. Alberio.

 

40’ per riscattare la brutta gara dell’andata e confermare il primato in classifica: questo l’obiettivo del Team ABC Cantù nella gara di questa sera. Target decisamente centrato, con i biancorossi che si portano a casa una vittoria importante e meritata, al termine di una gara molto combattuta e ben gestita fin dai primi minuti, quando i canturini raggranellano un consistente vantaggio che conservano con cura fino al fischio conclusivo.

Avvio di gara favorevole ai padroni di casa, che sfruttano la precisione dalla distanza di Villa e Lanzi per portarsi subito sul 8-4 interno; ma la caparbietà è l’arma dei canturini, che guidati da uno scoppiettante Di Giuliomaria (7 punti in 3’) agganciano a -1 e sorpassano al 4’ grazie alla tripla di Carpani (8-10). Carpani segna da sotto, Pedalà consegna a canestro il contropiede innescato da Di Giuliomaria, ma Rovello rimane in scia con Lanzi e Bosa; è quindi il giovane Ronchetti a realizzare i cinque punti consecutivi che permettono al Gorla di andare +6 al 7’ (13-19). Pedalà aumenta ulteriormente il divario, Romei segna dall’altro lato del campo, quindi i biancorossi siglano un break mortifero di 0-11, filotto che viene interrotto solo dalla tripla di Barbisan e dal suono della sirena, che fissano il punteggio al 10’ sul 18-32.

La seconda frazione si apre con l’arresto e tiro di Pedalà e la bomba di Carpani per il +19 esterno; i padroni di casa sono però duri a morire, e provano ad avvicinarsi con i cinque punti di Lanzi e Bosa. Tremolada non sbaglia dalla distanza, Bosa realizza il gioco da 2+1, quindi Olgiati infila due canestri consecutivi per il 27-45 al 17’. Di Giuliomaria fa 1/2 ai liberi, Barbisan replica con un canestro dall’arco e i quattro punti di Donegà e Barbisan consentono alla Allianz Bank di rientrare a -12 con 46” ancora da giocare. Tremolada è poi bravo a capitalizzare il giro in lunetta, mandando tutti negli spogliatoi sul risultato di 34-48.

Si rientra in campo, con Lanzi che non sbaglia i liberi a disposizione e Pedalà e Pifferi che rispondono per il 36-53 al 24’. Lanzi e Di Giuliomaria si sfidano a tutto campo, poi le due compagini continuano a fronteggiarsi con grande equilibrio, mantenendo le distanze pressoché invariate fino alla fine della frazione (44-60).

Comincia quindi l’ultimo quarto: Pifferi replica dall’arco al canestro di Tomaselli, quindi Ronchetti aumenta a 19 le lunghezze di vantaggio del Gorla (46-65 al 34’). Bosa segna da sotto e non sbaglia il libero aggiuntivo, Ronchetti è un cecchino dalla distanza, Villa fa 2/2 in lunetta, Molteni Marco insacca una tripla e poi impacchetta per Pedalà l’assist del +22 canturino (51-73 al 37’). A questo punto per Rovello non c’è proprio più nulla da fare, e nonostante alcune belle giocate, i padroni di casa sono costretti ad arrendersi alla grande prova del Team ABC, che chiude il match sul punteggio di 57-75.

Questo il commento di Coach Borghi a corredo dell’ottima prestazione dei suoi giocatori: “Siamo stati veramente bravi in difesa, riuscendo a complicare e ridurre al minimo le soluzioni al tiro da fuori che da sempre Rovello predilige. Siamo anche stati molto concreti nel cercare dentro l’area i nostri lunghi, che sono riusciti ad aprire il campo e a servire bene i nostri esterni, costruendo un primo quarto numericamente importante, arricchito da percentuali altissime e da una difesa orgogliosa. Tenere queste percentuali a Rovello non è facile, e quindi siamo molto contenti del risultato, ma mai paghi e soddisfatti: siamo nel girone di ritorno, e le squadre hanno ormai definito i loro obiettivi, iniziando a combattere senza guardare in faccia nessuno. Noi dobbiamo ovviamente adeguarci, mettendo in campo ad ogni gara tutte le energie che abbiamo.”