UNA BELLISSIMA OPENING NIGHT INAUGURA LA STAGIONE DEL PGC

Calorosa cornice di pubblico per la decima edizione della PGC Opening Night, la festa targata Progetto Giovani Cantù che apre come da tradizione la stagione di tutti gli atleti e membri dello staff biancoblù.

L’evento, che è cominciato poco dopo le 19:00 in un Palazzetto Parini colmo di genitori, ragazzi e addetti ai lavori, è stato aperto dalle bellissime parole che Antonio Munafò, responsabile del Progetto, ha voluto dedicare a tutti gli atleti presenti:

“Desidero innanzitutto ringraziare tutte le persone che sono qui stasera: il Sindaco di Cantù e l’assessore allo sport, oltre che tutti gli sponsor che ancora una volta hanno deciso di stare accanto al nostro Progetto.

Siamo arrivati al decimo anno, e per noi vuol dire tanto: proprio nel 2007, infatti, insieme a Francesco e Alessandro Corrado abbiamo annunciato la nascita del PGC.

Un progetto che ha la finalità di mettere in sicurezza il settore giovanile, lontano dalle difficoltà che una società di serie A può riscontrare nel suo cammino: ad oggi, questa operazione è sicuramente stata lungimirante e positiva.

Il PGC non è solo eccellenza sportiva, ma anche aggregazione di tutte le società sul territorio che fanno basket giovanile, e il nostro intento è proprio quello di essere vicini alle piccole realtà affinché tutti i ragazzi che amano la pallacanestro possano avere un’ottima educazione in palestra e i servizi di cui hanno bisogno per praticare questo bellissimo sport”.

“Questa sera” prosegue Munafò “siamo qui per festeggiare i nostri ragazzi, che sono i buoni ambasciatori di quello che il Progetto Giovani si prefigge di fare: il nostro obiettivo si realizzerà infatti se essi sapranno trasformare la loro esperienza sportiva nella possibilità per una crescita umana”.

“Come ogni anno” conclude il responsabile del PGC “desidero lasciare a tutti i ragazzi un tema importante, che li possa guidare in questa stagione sportiva: il valore della fatica. Gli obiettivi non ce li regala nessuno: se qualcuno dà dei consigli sbagliati, propone delle scorciatoie o dei trucchi per arrivare fino in fondo, non bisogna credergli. Gli obiettivi si raggiungono solo con la fatica: imparare a faticare ci aiuterà a crescere e imparare ad affrontare il nostro futuro con meno timore e scoramento di fronte alle difficoltà. Quello che auguro a tutti i ragazzi, quindi, è di vivere una stagione ricca e piena di soddisfazioni; ma auguro loro anche di fare la giusta fatica, una fatica che sarà condivisa da tutti noi dello staff, dai genitori e da tutti coloro che vogliono bene al Progetto Giovani Cantù”.

Antonio Munafò ha lasciato poi la parola a Luca Rossini, presentatore della serata nonché amico e socio del PGC dal momento della sua fondazione, augurandogli un grande in bocca al lupo per la nuova avventura appena iniziata a Cagliari.

E’ quindi intervenuto il Professor Antonio Tieghi, presidente del Centro Minibasket Cantù, ringraziando il PGC e tutti gli sponsor che permettono ai piccoli campioni in erba di andare in palestra per imparare a divertirsi e a stare assieme, prima ancora che a fare canestro.

Anche il Sindaco di Cantù Edgardo Arosio e l’Assessore allo Sport Sofia Guanziroli erano presenti alla serata, ed entrambi hanno rivolto i loro saluti a tutto il pubblico:

“Tutti i ragazzi qui presenti” ha commentato il Sindaco Arosio “sono lo specchio dei valori che noi adulti trasmettiamo loro. Tutti i tifosi canturini hanno fiducia in questi giovani: è importante dunque che crescano con l’obiettivo di diventare campioni nello sport, ma anche campioni nella vita”.

“Lo sport riveste un ruolo determinante nella vita di ogni ragazzo” ha inoltre aggiunto l’assessore allo Sport Sofia Guanziroli “perché insegna a stare insieme. Auguro quindi un grande in bocca al lupo a tutti questi ragazzi e ai loro genitori”.

La serata è dunque entrata nel vivo con le premiazioni individuali e di squadra. Hanno ricevuto infatti i meritati riconoscimenti Gabriele Procida, nominato nel miglior quintetto alle Finali Nazionali U15 Eccellenza; Patrick Gatti, per la sua partecipazione ai Campionati Europei di Pogdorica con la Nazionale U16; il gruppo 2004, campione Regionale U13 2016/2017; e il gruppo 2002, classificatosi al terzo posto ai Campionati Italiani U15 Eccellenza. Riccardo Marelli, il più giovane tesserato del settore giovanile, è infine stato premiato con il “Granello di futuro”, il fondo pensionistico offerto dal PGC in collaborazione con la BCC di Cantù.

I piccoli cestisti del Centro Minibasket Cantù e tutti i ragazzi delle dieci formazioni del PGC hanno poi sfilato sul parquet del Parini guidati dai loro capitani, che mostravano le divise ufficiali della stagione 2017/2018. Oltre che agli atleti, un grande applauso è andato anche a tutti gli allenatori, i dirigenti e i componenti dello staff tecnico e organizzativo che ogni giorno accompagnano il lavoro in palestra dei giovani biancoblù.

Si è quindi passati alla presentazione e al ringraziamento di tutti i title sponsor che compariranno sulle maglie delle squadre del PGC: Laborproject e Uniweb Communications per le due formazioni U13, Cierre Ufficio per l’U14 Elite, Essedue per l’U16 Regionale. Columbus Clinic Center sarà invece a fianco dell’U16 Eccellenza, l’U20 sarà sponsorizzata da Jumbo Collection e la Serie C vestirà ancora una volta la maglia targata Gorla. Oltre che a tutti gli sponsor sostenitori del Centro Minibasket, un sentito grazie è andato anche alla BCC Cassa Rurale e Artigiana di Cantù, co-sponsor di tutto il settore giovanile.

Christian Di Giuliomaria, atleta della serie C oltre che allenatore dell’Under 16 Regionale e vice allenatore dell’Under 20, ha voluto salutare tutti i tifosi biancoblù:

“Quest’estate ho deciso di tornare a Cantù, una realtà che conosco molto bene, per scrivere le ultime pagine da giocatore e iniziare un nuovo capitolo della mia vita. Sarei potuto andare ovunque, ma ciò che mi ha riportato a Cantù è il sogno: qui non si dicono solo parole, ma si lavora per dare il massimo a tutti i ragazzi. Il massimo possibile non significa andare tutti in Serie A, ma crescere in un ambiente sano per diventare un domani degli uomini migliori”.

“La nostra serie C” prosegue Di Giuliomaria “fa parte di un grande progetto, e rappresenta una vetrina importante per i ragazzi affinché essi possano fare un primo passo nel mondo dei grandi. A me piacerebbe vedere il Parini pieno, come quando a quindici anni giocavo i derby con le giovanili: l’invito che rivolgo a tutti è quello di supportare, il Venerdì sera, la serie C del Team ABC Gorla. Ma questo supporto non deve essere fatto per noi adulti: fatelo per loro, per tutti i ragazzi che credono in questo bellissimo sogno”.

Dopo le foto di rito con tutti i membri del Progetto Giovani Cantù, la serata si è conclusa in maniera molto coreografica: tutti gli atleti a centro campo, uniti in un solo abbraccio, a gridare insieme “1, 2, 3: Cantù!”. Con l’augurio di una fantastica stagione per tutti.